Social Engineering: come farlo male

Il titolo dell’articolo dice tutto.

Di seguito il contenuto di una mail che mi è arrivata, un tipico esempio di social engineering, fatto male:

Caro Webmail Account Proprietario,

Questo è il nostro secondo messaggio a voi dal CableOne Webmail Messaging Center per tutti i possessori di account di posta elettronica.

Stiamo attualmente conducendo aggiornamento di manutenzione programmata del nostro servizio di posta web e stiamo cambiando il nostro server host di posta elettronica, di conseguenza sarà reimpostare la password originale.

Per completare la vostra webmail aggiornamento account e-mail, è necessario rispondere a questa e-mail immediatamente e fornire le informazioni richieste di seguito.
************************************************** *******************************
Confermare la tua identità e-mail ora
Indirizzo e-mail:
Nome utente / ID:
Password:
Ripeti password:

************************************************** **********************************
Il non farlo immediatamente rendere il vostro indirizzo e-mail disattivata dal
CableOne Webmail.
************************************************** **********************************
Questa e-mail è confidenziale e privilegiata. Se non siete il destinatario si prega di accettare le nostre scuse; Si prega di non divulgare, copiare o distribuire informazioni in questa E-mail o intraprendere alcuna azione in Reliance sul suo contenuto: per farlo è strettamente proibito e può essere illegale.

Grazie per la tua collaborazione.

Copyright © 2015 CableOne Webmaster. Tutti i diritti riservati.

Non bisogna spaventarsi davanati ad una mail del genere .. piuttosto c’è da scandalizzarsi e vergognarsi che al giorno d’oggi, nel 2015, esista una piccola percentuale di persone che ci casca come un POLLO.

Il social engineering può essere letale ed eludere qualsiasi tipo e livello di sicurezza esista al mondo, per un semplice motivo: colpisce l’uomo e non la macchina.

social-engineering-fatto-male

 

Pubblicato il 10 settembre 2015 in News, Social

Condividi l'articolo

Back to Top