GHOST ( vulnerabilita glibc ) – CVE-2015-0235

Il 27 gennaio 2015 è stata scoperta una vulnerabilità ( e prontamente corretta ) nelle librerie glibc del sistema operativo Linux.
Il link alla pagina di RED HAT https://access.redhat.com/articles/1332213

GHOST è un bug del tipo ” buffer overflow ” che interessa le funzioni gethostbyname() e gethostbyname2() relativamente alla libreria glibc.
Questo bug consente ad un attaccante remoto, in grado di effettuare chiamate a quelle funzioni, di eseguire codice arbitrario con i permessi dell’utente applicativo con cui gira l’applicazione.

Controllare se i propri sistemi sono affetti da questo bug:

/* ghosttest.c: GHOST vulnerability tester */
/* Credit: http://www.openwall.com/lists/oss-security/2015/01/27/9 */
#include
#include
#include
#include
#include

#define CANARY “in_the_coal_mine”

struct {
char buffer[1024];
char canary[sizeof(CANARY)];
} temp = { “buffer”, CANARY };

int main(void) {
struct hostent resbuf;
struct hostent *result;
int herrno;
int retval;

/*** strlen (name) = size_needed – sizeof (*host_addr) – sizeof (*h_addr_ptrs) – 1; ***/
size_t len = sizeof(temp.buffer) – 16*sizeof(unsigned char) – 2*sizeof(char *) – 1;
char name[sizeof(temp.buffer)];
memset(name, ‘0’, len);
name[len] = ‘\0’;

retval = gethostbyname_r(name, &resbuf, temp.buffer, sizeof(temp.buffer), &result, &herrno);

if (strcmp(temp.canary, CANARY) != 0) {
puts(“vulnerable”);
exit(EXIT_SUCCESS);
}
if (retval == ERANGE) {
puts(“not vulnerable”);
exit(EXIT_SUCCESS);
}
puts(“should not happen”);
exit(EXIT_FAILURE);
}

Copiate e incollate in un file, esempio ghost.c
Compilatelo
gcc ghost.c -o ghost
Eseguite –> ./ghost

Verra stampata a video la stringa “vulnerable / not vulnerable ”

Nel caso la vostra distribuzione sia affetta dal bug, sarà necessario aggiornarla per correggere il bug.
Su centos: sudo yum update
Su debian/ubuntu: sudo apt-get update && apt-get upgrade

 

 

Pubblicato il 1 febbraio 2015 in News

Condividi l'articolo

Back to Top